Run, don’t walk

Una piccola metafora: immaginate di camminare per raggiungere una meta, voi ed il vostro amico Aspie. Procedete insieme. Ma. Voi camminate. Lui corre praticamente sul posto. Ogni tanto fa pure un tratto a ginocchia alte. Voi vi fermate a guardare il panorama. Lui guarda il panorama correndo sul posto. Non è che non vuole rallentare, è che funziona così. Non sa cosa significhi camminare.
Quando arrivate alla meta prefissata, voi siete moderatamente stanco, lui è fuori di sé dalla stanchezza. Anzi, probabilmente s’è fermato prima di voi perché nungnafapiù.
Ecco la differenza tra un cervello nt ed un cervello Aspie che affrontano la giornata e devono arrivare a sera. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...