Oh, wait…

Aspettare, aspettare, aspettare.
La vita del genitore di un bambino con “special needs” è fatta di lunghe attese. Attesa che ti chiamino, attesa che si liberi un posto in lista, attesa che lo specialista abbia tempo di scrivere una relazione, attesa che si riunisca l’equipe, attesa in sala d’attesa, attesa che qualcuno faccia qualcosa. Nessuno sembra mai avere fretta, tranne te.
Poi dice ma perché diventi una Klingon a volte…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...