Aspieboy speaks

a-new-day-has-come-melanie-moree

Scritto da un Asperboy di 14 anni oggi, terzo giorno di liceo. A new day has come.

“Ah, le care vecchie elementari…La mia prima tappa verso un futuro radioso, pieno di farmaci e incomprensioni.
Sono state il primo inferno in cui ho capito di essere più dotato dei miei coetanei, e che mi hanno così fatto sentire fuori dal mondo e tristemente solo.
Il mio primo approccio con esse è stato molto gradevole, devo dire.
Ero riuscito a stringere amicizia con la maggior parte della mia classe, e con loro giocavo spesso a pallone una volta fuori scuola.
Sono riuscito a mantenere questo piacevole ritmo di risate e studio fino alla terza elementare.
Non so se fosse a causa della mia crescita, o del comportamento della nostra maestra, ma tutto cominciò a diventare insopportabile.
I compiti si facevano sempre più numerosi e complicati, e non riuscendo quasi mai a finirli andavo nel panico ed ero costretto ad essere ricoverato in ospedale.
E questo ogni giorno.
Alla fine mi rifiutai di continuare la scuola.
Mia madre, donna molto comprensiva, mi portò da una psicologa, che mi aiutò per lungo periodo a mantenere una buona frequenza scolastica.
Ma alla mia carissima maestra (donna di cui ricordo ancora il volto) non tornavano i conti.
Per lei era tutto un brutto scherzo.
Io fingevo, non avevo alcun attacco di panico.
Certo, perché ovviamente le iniezioni di Xanax in vena me le facevo fare per divertimento, nell’ambulatorio.
Durante il quarto anno di elementari sempre stessa storia.
Mi accorgevo benissimo che le medicine che mi venivano date non facevano un grande effetto, anzi, stavo peggio.
Tanto che a mia mamma vennero dei dubbi.
Mi portò da più psicologi.
Al tempo non sapevamo davvero a chi riferirci.
Eravamo disperati, tutto il contrario di adesso.
Nessuno di loro era mai d’accordo con quello che diceva mia madre. Per lei potevo avere una forma di autismo ad alto funzionamento, e preciso che all’epoca sapere cosa fosse l’autismo era grande cosa.
Insomma, c’è chi diceva che ero solo ansioso, c’è chi diceva che ero solo spaventato dalla scuola, ma quasi tutti dicevano che era tutta colpa di mia madre.
Quella donna ne ha passate davvero tante, ed io mi ci arrabbiavo pure….se potessi tornare indietro mi darei un pugno dritto in faccia.
A quanto pare la mia poca autonomia era a causa delle cure amorevoli di mia madre, al punto che le dissero che doveva smettere di essere così buona e gentile con me.
Ora.
Non ricordo cosa successe, ma ho avuto come il presentimento che li abbia mandati beatamente tutti a’ffancu-
AH, e preciso, quelli da cui siamo andati erano tutti psicanalisti.
Insomma gli anni passano ed io continuavo a sentirmi sempre più strano.
La gente parlava ma nessuno di loro era lì per dirmi qualcosa di importante.
I compiti che ci venivano assegnati erano una vera e propria tortura, e credetemi quando vi dico che le cose da studiare erano prese da un libro di terza media.
Ho controllato.
Tutto troppo in fretta.
Dovevo rallentare.
Dovevo smettere di pensare.
Così smisi definitivamente di andare a scuola.
Passai gli ultimi due anni di elementari a piangere e farmi del male, e non incolpo del tutto chi era ad insegnarmi…ma lo faccio.
Ovviamente avrei sempre avuto problemi di “apprendimento” anche senza una persona che minacciava di buttare il mio zaino fuori dalla classe se non gli avessi consegnato il foglio con i quadretti anziché le righe…ma era tutto veramente eccessivo.
Senza scordare la sue insinuazioni verso mia madre.
E’ stata lei oltretutto, a dissuaderci da una diagnosi per l’autismo, tornando al discorso di inventarsi le cose.
Ed insomma…la mia maestra dissuade mia madre…e lei la ignora.
Grazie mamma.
Grazie per avermi creduto.
Mia madre si mette così a studiare ogni metodo esistente per farmi continuare la mia vita in tutta serenità, e trova finalmente uno psicologo ESPERTO in bambini autistici.
Perché chiariamoci, non tutti possono fare diagnosi sull’autismo con una competenza adeguata.
Molti sono lì senza neanche una buona licenza di medico.
Specie gli psicanalisti, che sono sempre da diffidare.
Fanno solo del male, perché sai…un metodo di studio antiquato può anche andare bene.
MA quando si parla del Medioevo bisogna evolversi!
Purtroppo queste sono persone fermamente convinte dei loro metodi, nonostante sia provato in diversi modi che sono sbagliati, io ne sono la prova.
E chi ce lo spiegava questo quattro anni fa’?!!
EH??
Mia madre, ovvio.
Lei è molto intelligente.
Insomma, con gente esperta nel campo dell’autismo si spiega perfettamente la mia diagnosi.
Sindrome di Asperger.
La sindrome di Asperger è niente popò di meno che l’autismo ad alto funzionamento con un nome diverso, visto che oggi giorno l’autismo è visto come una malattia dalla gente comune.
Non posso dire “sono autistico” perché capiresti male.
Quindi dico che sono asperger.

No aspè, dico a tutti che sono Asperger e poi spiego che “Asperger “è un sinonimo di “autismo ad alto funzionamento”…
…e poi racconto che anche Einstein era Asperger…
E che lo era anche Van Gogh.
E anche chi ha inventato il computer.
Si potrei fare una grande lista di personaggi importanti autistici.
E’ la mia passione.
Fare le liste.
Ma non credo sia questo il punto, il punto è che finalmente sono riuscito a spiegarmi il perché dei miei comportamenti.
Sono finalmente venuto a conoscenza dei miei punti forti, invece di continuare a fissarmi su quelli deboli.
E tutto grazie a mia madre e alla mia forza di volontà.
Ho avuto momenti in cui sarei volentieri saltato giù dalla finestra del quarto piano, ed altri in cui avrei abbracciato il corriere che era solamente venuto a consegnarmi il mio fumetto di Batman Europa.
Non è tutto passato, no, ma ora sto decisamente molto meglio.
Non mi incolpo più per i miei comportamenti, ed imparo ogni giorno a migliorarmi.
Per questo sono così informato sulla mia “condizione”.
Per me sapere cosa mi succede è di routine.
Negli ultimi due anni non mi è mai successo di non capire qualcosa.
Sono perfettamente cosciente di tutto.
Beh, non proprio di tutto, se ho mal di testa posso ipotizzare sia colpa della mia fotofobia, ma potrebbe anche essere l’odore delle fogne.
E’ tutto un gran guazzabuglio di idee.
Ma imparerò a ordinarle.
Se mi andrà di farlo.
Ci sono cose che non voglio cambiare.
Fanno parte di me.
E dovranno restarmi addosso.”

(foto di Melanie Moree)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...